sabato 23 maggio 2020

Stati di allucinazione (1980)

Il film prende ispirazione dalle ricerche dello psichiatra statunitense John Lilly sugli stati alterati di coscienza, attraverso l'uso di una vasca di deprivazione sensoriale e la somministrazione di droghe psichedeliche. Il ricercatore nel film viene denominato Eddie Jessup ed è interpretato da un giovane William Hurt al suo esordio d'attore cinematografico, che ci conduce con trepidazione ed ossessione in un'incredibile viaggio verso la ricerca della "verità assoluta", quella che si celerebbe in fondo al mistero dell'origine della vita. Questo viaggio mentale si rivelerà una straordinaria regressione della storia umana, fino a toccare quella forza primordiale che ha generato la prima scintilla del Big Bang. Ken Russell come soltanto Il suo genio visionario riesce a fare, dirige un film sconvolgente, disturbante e toccante. Le immagini che prendono vita all'interno di questa esplorazione sono primordiali, terrificanti, violente come le migliori opere pittoriche di Francis Bacon, il lavoro del truccatore Dick Smith sulla metamorfosi del protagonista è al dir poco stupefacente. Non siamo davvero nel territorio della fantascienza come spesso il film viene etichettato, ma piuttosto nell'esplorazione mistica dell'umano e la sua ricerca del senso della vita, di fatti la crisi sentimentale tra il ricercatore e la sua moglie diverrà una parte fondamentale del racconto. Ciò che sorprende dell'opera è la capacità di utilizzare un linguaggio cinematografico convenzionale tipicamente hollywoodiano (non è un caso se è il primo film americano di Russell) per rimodellarlo alle esigenze della sperimentazione. La combinazione riesce in un equilibrio perfetto e il risultato è straniante e originale. L'inquietante finale dove il corpo di Eddie riesce a entrare a contatto con l'energia primordiale finendone risucchiato e trasformato, equivale a una sorta di morte ancestrale. Solo l'amore umano e terreno diverrà l'unica àncora di salvezza dall'arida e orrifica verità cosmologica scoperta. Nell'ultima scena i coniugi, dopo aver combattuto contro le oscure energie primordiali che separavano i loro corpi, si ricongiungono nudi in un abbraccio carnale, ritornando alla vita, scoprendo per la prima volta davvero il valore di questa. Un ricongiungersi alla vita che mi ha riportato subito in mente la bellezza della scena finale di "Ordet" di Dreyer. Mentre le riflessioni futuristiche, fantascientifiche e spirituali si rappresentano oggi in serie come Black Mirror e The OA, il film di Ken Russell datato 1980, ci ricorda come il suo cinema abbia ancora da dirci molto e quanto questo sia ancora tanto avanti sotto ogni punto di vista.


Il film è disponibile in dvd per l'acquisto su questo link.


3 commenti:

  1. l'ho visto anche io, un film straordinario ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo adorooo, peccato che tutti i suoi film non si trovano, cmq li cercherò, prima o poi dovrò trovarli ^_^

      Elimina

Iscriviti alla Newsletter

Post più popolari