domenica 26 aprile 2020

La città dei morti (1960)


Una studentessa per approfondire gli studi della sua tesi sulla stregoneria,  viene convinta dal suo insegnante a intraprendere un viaggio in uno sperduto villaggio chiamato Whitewood, dove secoli prima, nel 1692, fu messa al rogo una donna accusata di stregoneria chiamata Elizabeth Selwyn. La studentessa alloggerà in una misteriosa locanda del villaggio gestita da una Signora e la sua domestica, dove si manifesteranno una serie di ambigui e inquietanti eventi che la porteranno a scoprire una verità terrificante. 
Il film è stato spesso accostato a "Psycho" di Alfred Hitchcock, uscito lo stesso anno, per alcune analogie nella struttura della storia, come la morte delle protagoniste alla metà del film e la caratterizzazione di un luogo sinistro e isolato dal resto del mondo, ma purtroppo il film di Moxey non riscosse lo stesso successo ed è ancora oggi sconosciuto ai più. Difficile definire quale dei due film abbia avuto influenza sull'altro, probabilmente nessuno dei due. Fatto sta che il film di Moxey merita di essere visto, è un ottimo e onesto horror, molto essenziale nella sceneggiatura ma capace di sorprendere, è dotato di alcuni espedienti visivi davvero accattivanti e raffinati. Manca qualcosa che ne faccia un capolavoro, ho trovato alcune scelte controproducenti, come quella di usare in modo ridondante le musiche jazz di Ken Jones, tipiche del genere noir, che avviliscono le atmosfere gotiche e spettrali, ma il film ha il pregio di decollare in un finale magico ed esoterico, donandoci una delle sequenze più brutali e suggestive di "roghi" mai viste sullo schermo. Da questo punto di vista è un piccolo gioiello che merita di essere scoperto. Nel cast spicca la presenza di Christopher Lee che interpreterà tredici anni dopo "The Wicker Man", un altro grande classico del cinema horror a tema di riti sacrificali e roghi.


Il film è rimasto inedito in home video in Italia. È possibile acquistare il blu-ray in un'edizione tedesca che contiene la lingua originale inglese su questo link, mentre potete scaricare i sottotitoli italiani su questo link.

2 commenti:


Post più popolari